3 Angeli alla deriva... e Charlie dove cazzo è?

PENSIERI DI TRE PORE GEGIE SNOB. IL DIAVOLO... VESTE LIALINA!!!

sabato, febbraio 12, 2005

AAAARRGGGHHHH!!!!!!


Sono un'ingenua, lo ammetto, ma mi piace credere che la meritocrazia non sia l'utopico sogno di qualche pazzo lobotomizzato.
Mi illudo che l'impegno e l'entusiasmo siano qualità del savio e non folli orpelli da ridicolizzare.
Eppure, in questo calderone di soprusi e mobbing, ricevo conferme quotidiane della mia inutile perseveranza. Oggi l'ennesima, ai danni di una collega lasciata a lungo macerare in false promesse, ridotta agli stenti con un sorriso ammaliante e carico di aspettative. Silurata. Tacitamente. Da un giorno all'altro. Con un capo che non sa nemmeno reggere il carico delle proprie bassezze e fugge ammantato di silenzio.
Senso di schifo.
Mi aggrappo al colloquio affrontato ieri, con un essere umano. Finalmente!

venerdì, febbraio 11, 2005

la pallina rosa

Non posso farci niente, scusa Sabbri, ma mi fa troppo impazzire questa barzina!!!

Pierino e Mario si incontrano per strada e Pierino dice: - Devo raccontarti una barzelletta. L'altro risponde: - Spara! Pierino inizia a raccontare: - E' il compleanno di un bambino che compie 10 anni. Il papà gli chiede: "Cosa vuoi per regalo?", e il bambino dice: "Voglio una pallina rosa!". Il padre un po' contrariato risponde: "Ma hai 10 anni come è possibile che vuoi una pallina rosa?!? Ti compro una macchina telecomandata così ti diverti di più!". L'anno seguente stessa storia: "Che regalo vuoi?" chiede il padre; il bambino "Io voglio una pallina rosa!" e il padre ancora contrariato "Ma hai 11 anni cosa te ne fai di una pallina rosa? Ti compro la Playstation!". L'anno seguente sempre la stessa situazione: "Che regalo vuoi?" - chiede il padre; il bambino "Io voglio una pallina rosa!" e il padre ancora contrariato: "La pallina rosa non te la compro. Ti prendo il trenino elettrico!". E così fino al 17° compleanno. Arriva il giorno del 18° compleanno il padre allora chiede al figlio: "Che regalo vuoi per il tuo diciottesimo compleanno?" e il ragazzo ormai cresciuto risponde: "Papà, io voglio una pallina rosa!". Il padre oramai stufo della solita storia gli dice: "Adesso basta, ti compro la macchina così potrai svagarti e non pensare più alla pallina rosa!". Così il ragazzo sale sulla macchina ma alla prima curva esce di strada e muore. Il padre afflitto entra in un bar e chiede un cappuccino e un cornetto. Beve il cappuccino, addenta il cornetto e indovina cosa c'era dentro? Mario risponde: - La pallina rosa! E Pierino: - NO... LA CREMA!!!

WISH LIST

Io, l'Angelo più sofisticato, sfuggente e diabolico.
Io, che condivido il nome d'arte con una campionessa indiscussa di stile formato celluloide.
Io... sob! Costretta a condire il mio amore per l'interior design con le pagine patinate delle riviste di settore. Io, Sabrina, IO!
RIVENDICO IL DIRITTO DI POSSEDERE LA LOUNGE CHAIR DI CHARLES EAMES!!!!!

giovedì, febbraio 10, 2005

DA TGCOM P.r d'amore per Sergio Muniz
Esce con la sua addetta stampa
L'Isola dei famosi ha portato a Sergio Muniz lavoro, denaro e, a sorpresa, anche l'amore. Tra appuntamenti e ingaggi, il modello ha infatti trovato anche il tempo di innamorarsi della sua addetta stampa, Lorenza Mazzotti. Ventisei anni, pr di una nota agenzia milanese, la ragazza ha gestito gli impegni di Muniz, ma, a quanto rivelano le foto pubblicate da "Eva Tremila", con il suo "protetto" ha stretto un legame tutt'altro che professionale.
DA EVA TREMILA Lorenza Mazzotti è la fidanzata di Sergio Muniz, il modello spagnolo trionfatore de "L'Isola dei famosi". Grazie al reality di Raidue condotto da Simona Ventura, Muniz, l'uomo più desiderato d'Italia, ha anche trovato l'amore. "Sto cercando una ragazza con la quale formare una famiglia e dividere la vita", aveva detto il modello a Eva Tremila il giorno dopo il ritorno da Samanà. Adesso l'ha davvero trovata.


Ne vogliamo parlare???? Dico... ne vogliamo parlare??? Nemmeno un flacone da un litro di fiori di Bach può aiutarmi a mandare giù questa cosa!!!
Nemmeno un pomeriggio di shopping da Zap con annesso girocollo di Tarina Tarantino per Hello Kitty. Nemmeno un pome da Ivan con Vieri da parte che si fa i colpi di sole. Nemmeno una sessione di un ora di massaggi con Claudio l'appoggione. E... attenzione... nemmeno uno stivale di Gianna Meliani. Con questo ho detto tutto.
Cara Jill, attenzione alla Meliani, dalle 6 mesi e spacca!!! Io l'ho detto.
Besitos

La Kelly e la Jill al telefono

Kelly: Gina!
Jill: Gina!
K: no io sono la Kelly
J: non sottilizzare
K: lo sai che sono magra
J: secca
K: no ho innaffiato
J: Clicout?
K: sai che non parlo russo
J: fatica a respirare?
K: sarà il cuscino!
J: dicevamo?
K: c'è un aperitivo
J: quante volte ti ho detto di non aprire agli sconosciuti
K: ma no, uffy, Jill. Siamo state invitate ad un aperitivo.
J: ah, quindi non è li...
K: no è al Ricci
J: Ahi!
K: cosa
J: punge
K: usa il cachemere...
J: preferisco il visone
K: allora? Anche io
J: gioia...al massimo il Rat Mousquet
K: cretina
J: Charlie che dice?
K: che dobbiamo andare
J: dove?
K: all'aperitivo
J: ma Sabrina?
K: e che c'entra
J: no era per parlare
K: mi sembri la Mina
J: sai che odio la violenza
K: no per le parole
J: uccidono più le parole del pugnale
K: Jill non reggo più questa chiamata, allora si va?
J: ma dove?
Click---tu tu tu tu tu


Ma che Mastrolindo!


La Jill è sempre così... spudorata! Mon chere, rilassati, ingolla qualche goccia in più di Valium e svieni tranquilla sul tuo divanetto frou frou.
Uff! La convivenza tra Angeli non è sempre facile. Ma siamo unite, agguerrite e assolutamente in diretta!

Dunque... Oggi cosa abbiamo prodotto? Vediamo... dopo una corsa spericolata in sella alla mia Harley Bike, ho raggiunto il territorio nemico con incedere gattosamente sicuro. Uno sguardo assassino al Tazio-killer e gli allarmi sono stati dribblati. Presto sono entrata in possesso dei documenti segreti che spalancheranno sul mondo tutto nuove possibilità. Con mano tremante ho sfogliato i dossier: Chi, Gente, Oggi, DiPiù, D, IoDonna, Gulliver, Cipria (...).
Finalmente ho trovato la formula.
Due trecce sottili e tiratissime all'altezza delle tempie.
E' così che Loredana Lecciso ottiene il suo sguardo da pantera dei trulli.

Gli angeli dell'oscurità, come camuffarsi e ottenere risultati...palpabili

Nonostante le giuste obiezioni della casta Kelly e della sprovveduta Sabrina, mi sento di consigliare alle affezionate lettrici del nostro blog un galateo dell'oscurità, della stanza buia, insomma...della Dark.
Innanzitutto smitizziamo..in Dark non succede quasi mai nulla...troppo buio...e poi, in piedi...non siamo mica delle frisone qualunque...siamo signore, di più, angeli...
Ma la vita, la giornata, la serata...non è tutta buia..parte alla luce, ma senza la piscina d'oro di quella cretina.
Lesson 1, aggirare la preda. E' tutta la sera che orbitate le one-day alla ricerca del malvagio di turno da punire. E l'avete trovato? Pelato, alto, occhio ceruleo, fisico statuario, jeans strappato, canotta e polsiera di pelle? Sorriso da bastardo di periferia? Tatuaggio sul bracio? Ragazze...è lui, deve essere assolutaente pedinato e perquisito. Potrebbe essere un pericoloso individuo. Charlie farebbe lo stesso..lui e il suo vacca di altoparlante bianco..
Lesson2, eliminare la concorrenza. Finalmente il losco Mastro Lindo si dirige con passo voluttuoso ( che cosa volutterà mai..con quel culo può avere tutto quello che vuole ), verso
una zona buia, ma tosto vi accorgete che non siete sole a cacciare il nerboruto individuo. Anche un'altra è sulle orme del potenziale (speriamo) stupratore...ma si vede che non è preparata ad affrontare tale possanza. Lei, timida e sfacciata, stretta nella sua smanicata D&G ( orrore, non usa più da lustri ) e nei suoi jeans a vita tanto bassa da sembrare una mantovana per le rotule. Magra ed efebica sotto la cotonata alla Curiel, non può certamente affrontare tanta irruenza. Che torni al Toys'r Us a scegliere le Barbie. Con un rapido colpo dei vostri gucci con tacco 8 fate modo di intaccare la camminata modello Ivana e precipitatela giù dalla scalinata. E' per il suo bene, oltre che per il vostro. E mentre voi scendete le scale ( senza fiori please..) e la culandra frana giù dal gradino, non perdete l'occasione di uno sguardo pietoso. Madre Teresa farebbe lo stesso. MA NON CHINATEVI IN GESTO DI SOCCORSO....perdereste di vista l'obiettivo...e poi chinarsi..si sa, è pericoloso.
Lesson3, la cattura. Vi sentite il capitano Achab. Fate bene. Nel buio totale non perdete mai di vista la sagoma che si staglia nelle tenebre, passo felino ( Naomi.....mavaffa ) e cerchi sempre più stertti fino a giungere, all'odioso obiettivo.
Siate pepe puro, accarezzate il cattivo, partendo dal collo a scendere, e non fatevi impressionare..lui penserà ad una avance, vista la vostra beltà, ignaro, il cretino, del vostro vero scopo...disarmarlo.
Angeli cari, il resto sta alla vostra preparazione.
Vostra, Jill

Gli angeli consigliano....


Beghelli sarà presente a Smau con l'intera gamma di prodotti destinati al telesoccorso

Beghelli s.p.a., azienda leader in europa nella domotica e sicurezza ambientale, sarà presente a Smau (padiglione 06, stand 69) con l'intera gamma dei suoi prodotti.
Centro focale della presentazione resterà la fortunata serie del "Telesalvalaminchia" presentato per l'occazione in due nuove versioni, "personal" e "professional" destinate ad un mercato in forte crescita. Il design degli apparecchi è stato radicalmente modificato per rendere l'utile strumento adatto ad essere collocato negli ambienti più disparati senza risultare eccessivamente invadente.
La versione Personal si caratterizza per una linea sottile e discreta, facilmente collocabile sotto il telefono di casa, la versione Professional, integrabile con i più diffusi pc desktop, potrà essere richiesta indifferentemente come base diappoggio per PC portatili o monitor.
"E' per noi motivo di orgoglio", ha dichiarato il Dott. Beghelli, Amministratore Delegato della Beghelli s.p.a. e ideatore della linea Telesalvalaminchia, "vedere che il nostro prodotto ha rapidamente conquistato il mercato. Sempre più persone si avvicinano a questo fantastico apparecchio, tributandoci lodi e consensi quotidianamente. Grazie ai nostri clienti il prodotto è in costante evoluzione e a Smau abbiamo deciso di presentare in anteprima assoluta un nuovo prodotto della linea, destinato al pubblico femminile, che si chiamerà Telesalvavagina"
La nuova linea di prodotti Telesalvalaminchia si presenta al pubblico con un design rinnovato, frutto della collaborazione tra la Beghelli e GiugiaroDesign, disponibile in 8 colori con cover sostituibili. Ma le vere innovazioni sono all'interno:
* Tecnologia Intelliminchia, lo strumento analizza la situazione ed automaticamente provvede alla chiamata di soccorso
* Tecnologia Ricariminchia, da oggi è possibile scegliere un abbonamento ricaricabile anzichè a consuntivo.
* Telecomando ergonomico con pulsanti in pelle di leopardo in rilievo e "sensibili"
* 150 operatrici sul territorio nazionale
* Umidità a scelta del cliente
* Nazionalità a scelta del cliente
* 158 posizioni selezionabili da tastiera
* Possibilità di recesso
* Fino a 10 recidive al giorno
A disposizione dei gentili clienti è stato anche predisposto un rinnovato gruppo di help-desk con la possibilità di poter scegliere, in qualsiasi momento, la "periferica" più adatta ai propri gusti.
Per quanto concerne l'innovativo Teleslvavagina le novità vanno ben oltre:
* Tecnologia Ricarivulva, da oggi è possibile scegliere un abbonamento ricaricabile anzichè a consuntivo.
* Telecomando ergonomico con pulsanti in pelle di struzzo
* 150 operatori sul territorio nazionale
* Misura a scelta della cliente
* Nazionalità a scelta della cliente
* 158 posizioni selezionabili da tastiera
* Possibilità di recesso
* Fino a 50 recidive al giorno
* Sistema Autotampax con caricatore automatico e sistema ad aria compressa.
I nuovi dispositivi saranno a disposizione della clientela a partire dal 20 Ottobre presso la rete commerciale Beghelli.
Maggiori informazioni sul sito www.beghelli.com\telosalva www.beghelli.com\telesalva

Gegie di bellezza

Cari amici, ma anche care amiche...e vogliamo dimenticarci gli amici degli amici e le amiche delle amiche..o le amiche degli amici e gli amici delle amiche?? Spero di aver ricordato tutte, mie care, altrimenti qui come al solito si dice che la sottoscritta fa delle sperequazioni...e io non ne faccio, o meglio, si ne faccio, ma questo è tutto un altro discorso. Perchè se è vero che il Diavolo veste Lialina, certo noi poveri Angeli, ancora alla ricerca di quel cazzone di Charlie, dobbiamo ben coprire le nostre amene nudità con uno straccetto di Chanel..non penserete mica che si vada in missione con un Uba Uba qualunque..no, dico, siamo Gegie, mica sceme.
Ecco perchè nascerà a breve la rubrica Gegie di bellezza..tre povere rimbambite alla deriva nei sottoscala delle più ambiziose coturier della milano bene ( messa sottointeso ) dove un gramo paio di pantaloni di lana modello upim possono arrivare a costare quanto un trumeau del 700, francese, chiaro.
Comunque, dribblando la folle matrona del pronto a mettere ( dirlo in francese è troppo, credete ), cosa possono fare tre angeliche e pure ( nel senso di lindo, pulito, casto....che coraggio!!) a presentarsi di fronte al cattivo di turno con un minimo di charme? Bhè chiaro, ci si sparafanga nel turbinio del centro con un obiettivo ben preciso...la conquista di un pezzo di grande effetto, possibilmente al prezzo di un ovetto kinder. Ed eccoci, affannate e leggermente lucide ( la cipria crepa se la trovi nella Vuitton quando serve.. ) a calcare il parquet di tutti i sottoscala di Milano.
Il migliore? Un mercato dell'orrendo che si infossa vicino ad una chiesa di Milano.... la Kelly mi suggerisce essere il Duomo ma io...sapete...o da protagonista oppure non mi interesso delle navate...
Alle prossime puntate per consigli, suggerimenti, dritte e chicche ( di checche poi....)

reality - altro che guantanamo!!!

KELLY
Da Dagospia: "REALITY GUANTANAMO Non c’è limite al peggio per gli autori di reality show. Il britannico Channel 4 sta preparando un programma televisivo nel quale concorrenti volontari dovranno provare le “blande torture” ritenute accettabili dai carcerieri di Guantanamo.Sette maschi, di cui tre musulmani, hanno infatti accettato di provare sulla propria pelle l’effetto della privazione del sonno, l’esposizione a temperature estreme e un “leggero” contatto fisico nell’arco di 48 ore. Pratiche che nella base americana vengono ritenute legittime per far parlare presunti terroristi. Il tutto – spiega il “Guardian” – ricreando in un magazzino londinese le condizioni della prigione cubana, così come descritta in documenti declassificati del Pentagono ottenuti dal canale televisivo…".

Dopo aver letto questo articolo mi è venuta una vaghiiiissiiiima impressione... (notate i tre puntini lialiniani!!!): non è che ci hanno buttato un un reality e noi non lo sappiamo???
- Esposizione a temperature estreme: vogliamo parlare delle bronchiti croniche? fardello che portiamo con piacere e con un sorriso sulle labbra al piano terra (ufficio fronte cesso dei poveri) per le MS puzzolenti di S e le sue finestre aperte??? Dimenticavo, sono cattiva, faccio subito opera di pentimento: è colpa mia, solo colpa mia, mi inginocchio e striscio il muso per terra... d'altra parte mi vesto troppo leggera e così mi ammalo e reco danni all'azienda con le mie assenze.
- privazione del sonno: giochetto da ragazzi!!! Ormai non mi batte nessuno con le tarantolare sonnambule!
- "leggero" contatto fisico: non capisco a cosa si riferiscano in qs articolo. Ma so benissimo che nel nostro zoo quotidiano il contatto è meglio evitarlo: vedi alla voce facce con i bozzoli, ascelle soffrittate oppure scie fognarie con rumoretti (cara s. ti becchiamo sempre!!!).
Meno male che c'è Jil, che anche oggi mi ha regalato una manciata di felicità. Grazie, grazie, e te lo dico con un velo di commozione. Grazie per avermi resa felice e avermi strappata dai miei insani pensieri. Grazie per avermi montato una gamba come un bravo cagnolino.

GEGIE ONLINE!!!

Sabbri scrive:
COME LO VOGLIAMO CHIAMARE IL NOSTRO BLOG?
Sabbri scrive:
serve titolo
Jill scrive:
lq gegia
Sabbri scrive:
la gegia?
Kelly scrive:
fa cagare!
Jill scrive:
si
Kelly scrive:
lucrezia borgia
Sabbri scrive:
eh!?!?!?!?
Jill scrive:
daiiiiii
Sabbri scrive:
lucrezia borgia? vabbà...
Sabbri scrive:
sottotitolo
Kelly scrive:
aspe
Sabbri scrive:
"liberi pensieri di 3 detenuti della comunicazione"
Kelly scrive:
dai Jill tirane fuori uno bello dei tuoi
Kelly scrive:
sottotitolo perfetto
Sabbri scrive:
ok
Kelly scrive:
manca il nome
Sabbri scrive:
noi come ci vogliamo chiamare?
Kelly scrive:
io anna sui
Sabbri scrive:
no, serve nome unico
Kelly scrive:
ginger
Sabbri scrive:
la gegia
Jill scrive:
Poshy
Sabbri scrive:
sa di portinaia, non è male...
Sabbri scrive:
le gegie!!!
Jill scrive:
Poshy le gegie
Kelly scrive:
le gegie? ma mi ricorda quella cicciona sciatta che c'era in tele
Sabbri scrive:
va bene dai!!!
Kelly scrive:
zia gina?
Sabbri scrive:
i nostri argomenti saranno bassini
Jill scrive:
3 cessi alla derivsa, liberi sfoghi di 3 povere cretine
Sabbri scrive:
Jill scrive:
deriva
Kelly scrive:
cesso tua sorella
Jill scrive:
ma uffa
Kelly scrive:
l'idea della deriva mi piace
Jill scrive:
3 disgraziate alla deriva
Kelly scrive:
disgraziata sei tu
Kelly scrive:
3 snob allo sbando???
Sabbri scrive:
"pensieri alla deriva di 3 pore gegie"
Kelly scrive:
snob
Kelly scrive:
mi piace di +
Jill scrive:
figata
Sabbri scrive:
"di tre pore gegie SNOB"
Jill scrive:
gegie posh
Kelly scrive:
non piace
Jill scrive:
uffy
Jill scrive:
posso avere la mia rubrica gegie di bellezza??
Sabbri scrive:
NOME!!!
Sabbri scrive:
allora?
Kelly scrive:
quello sì
Kelly scrive:
mi piacerebbe ci fosse la parola snob
Jill scrive:
il galateo della dark?
Sabbri scrive:
naaaaaaa
Kelly scrive:
cagare
Jill scrive:
come ti organizzo il batuage?
Sabbri scrive:
e sia... possiamo sempre cambiare più avanti
Kelly scrive:
vi ricordo che in origine noi eravamo charlie's angels
Jill scrive:
ecco
Sabbri scrive:
mhmm... charlie's gegies!!!
Jill scrive:
tre angeli alla deriva....e charlie dove cazzo è??
Kelly scrive:
bellissima
Kelly scrive:
!!!!!
Sabbri scrive:
questo sì! TITOLO
Jill scrive:
un genio, sorelle mie, un genio...
Sabbri scrive:
andata
Kelly scrive:
esia!
Jill scrive:
come primo intervento nel blog mettiamo la trascrizione di questa chattata